Castello di Perno

NEBBIOLO Langhe Castello di Perno DOC

  • In Offerta
  • Prezzo di listino €17,50
Imposte incluse. Spese di spedizione calcolate al momento del pagamento.


Nel cuore delle Langhe sorge il pittoresco borgo di Perno. Costruito in epoca medievale come fortilizio difensivo e trasformato tra il XVII e il XIX secolo in dimora residenziale, il Castello domina il paesaggio circostante, composto da dolci colline interamente rivestite da vigneti. Il Castello di Perno rappresenta anche un pezzo di storia della cultura italiana: infatti fu sede, gemella di quella di via Biancamano a Torino, della Casa Editrice Giulio Einaudi, in particolare fu residenza per lo studio e l’attività artistica degli scrittori einaudiani (tra i più assidui frequentatori Primo Levi) e teatro di seminari e incontri tra le più grandi personalità della cultura italiana dell’età repubblicana. Attualmente di proprietà di Gregorio Gitti, il Castello di Perno non solo è diventato il centro di un'attività di vinificazione di alto livello, ma intende tornare ad essere casa per la cultura, con particolare attenzione alle arti contemporanee. Il progetto enologico di Castello di Perno può definirsi come neoclassico, poiché, pur rispettando la tradizione, intesa come patrimonio di tecniche e conoscenze specifiche di un terroir storico, la interpreta attraverso una sensibilità che vuole rinnovarsi nel tempo, con la consapevolezza cioè che i vini sono cose vive e perciò nascono, invecchiano e migliorano come gli uomini che li cercano come buona compagnia.

Vitigni: nebbiolo 100%

Tipologia di terreno: Località Gramolere - Monforte d’Alba

Altitudine: 500 metri s.l.m.

Vinificazione e affinamento: Diraspatura, macerazione a freddo per 48 ore e fermentazione spontanea con macerazione di circa 20 giorni a temperatura controllata.

Affinamento: Affinamento di 8 mesi in botti grandi di rovere Francese e Austriaco. Imbottigliamento ad Agosto

Caratteristiche organolettiche:

Un bel colore rosso granato pervade la vista, con riflessi che tendono al rubino. La rosa selvatica, leggermente appassita, si tinge di tocchi più speziati e richiami al sottobosco. Entra in bocca con un sorso asciutto, vellutato e rotondo, di ottima armonia. Chiude con un finale persistente.

Temperatura di servizio: 16/18 °C 

Abbinamenti: Perfetto con carni rosse e formaggi stagionati.

Annata: 2017